Iris Grace: i capolavori della supereroina autistica

Supereroina

Iris Grace è una bellissima bambina inglese di 5 anni, è autistica e dipinge quadri meravigliosi che ricordano l’impressionismo dei pittori dell’800.

A due anni d’età, le è stata diagnosticata la sua malattia. Da quel giorno, la mamma e il papà di Iris hanno scelto per lei le migliori cure, sottoponendola alla terapia logopedica, all’ippoterapia, alla musicoterapia, senza grandissimi risultati. Fino a quando non hanno deciso di avvicinarla al mondo della pittura, cercando, in ogni modo, grazie al potere dei colori e della fantasia, di ridarle gioia e speranza, stimolando la sua creatività: i genitori, increduli, hanno scoperto una capacità di concentrazione ad altissimi livelli e un grandissimo talento naturale. Iris, ad oggi, dipinge ogni giorno quadri coloratissimi immersa nella natura della campagna inglese indossando foulard a mò di mantelli da supereroe. La pittura è la sua forma di comunicazione, il suo modo di vedere il mondo ed è un luogo luminoso, brillante e gioioso: quella che è iniziata come una semplice terapia, non solo ha contribuito a migliorare le condizioni della piccola Iris Grace Halmshaw, ma si è rivelata essere molto di più, ovvero il suo modo per comunicare con gli altri!

Il papà racconta: “Con l’aiuto di esperti e di molti terapeuti è cambiata radicalmente in un breve lasso di tempo. Il contatto visivo era un evento raro, che lei non voleva o non sapeva come affrontare, non voleva giocare con noi ed era disperatamente angosciata quando l’abbiamo portata vicino a tutti gli altri bambini. Lei ora cavalca e si fa delle grosse risate, interpreta e comunica con la creazione di propri disegni. Abbiamo ancora una lunga strada da percorrere per aiutarla a socializzare e farla parlare, ma stiamo avendo grosse soddisfazioni per i suoi progressi. Il suo autismo ha creato uno stile che non ho mai visto in un bambino della sua età – fa un uso spettacolare dei colori e capisce come interagiscono tra loro. Lei è piena di entusiasmo e gioia quando tiro fuori i suoi pennelli“.

98617

I genitori di Iris, come tanti che hanno dei figli autistici, hanno tentato molte strade per cercare di aiutare la propria figlia fino a che hanno deciso di prendere una gattina, che hanno chiamato Thula, come compagna di giochi per la loro piccola.

Tra Iris e Thula è nato un amore incondizionato che ha aiutato la bambina a superare molti dei suoi problemi. Iris ha cominciato a vestirsi da sola e tentato dei modi alternativi di comunicare, anche sforzandosi di farlo verbalmente.
Le sue giornate sono più serene e Thula la segue ovunque, è la sua amica fedele e inseparabile che sfida anche la paura dell’acqua pur di stare vicino a lei. La accompagna nelle sue passeggiate a piedi, in bici e in auto, le tiene compagnia durante le sessioni di pittura, dorme insieme a lei, la guarda interessata mentre gioca con il suo tablet e i suoi strumenti musicali e ascolta attenta le storie che si inventa con il suo mantello colorato. Il loro rapporto è, infatti, l’ennesima testimonianza di quanto siano importanti gli animali nell’aiutare bambini per le loro malattie. La pet therapy, basandosi sulla presenza di un animale per consolidare i rapporti emotivi con i pazienti, stimola la loro partecipazione attiva.

thula-therapy-cat-autistic-artist-iris-grace-fb

Attraverso l’arte, la pittura e la sua amica Thula,  il “mostro” dell’autismo sembra lentamente allontanarsi da Iris Grace, il cui entusiasmo per la vita è del tutto identico a quello dei bimbi della sua età che scoprono giorno dopo giorno il mondo e le sue bellezze.

Cliccando su questo link:  http://irisgracepainting.com/ potrete ammirare i capolavori di questa splendida supereroina!